annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Gianluigi Quinzi

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • In campo oggi contro Dellein, giovane e discreto giocatore di casa (ex n°2 junior)

    Commenta


    • guardate qua, nelle foto:

      Bienvenue sur Facebook. Connectez-vous, inscrivez-vous ou découvrez!

      Commenta


      • Vedo che dopo il torneo in Bolivia e quello in Cile, giocherà in Brasile.

        Commenta


        • Dice che contro Hellien nel primo si è trovato sotto *5-6 0-30, da lì il boliviano ha commesso una sere di errori non forzati che gli sono costati il game e il successivo tie break per 7-3, e che il momento no è continuato per tutto il secondo set. Poi dicono che ha dimostrato il perchè è considerato una promessa mostrando un grande spirito combattivo.

          Commenta


          • Oggi primo match sul campo 2 alle 17 locali contro Fabricio Burdisso che ha sorpresa ha battuto Federico Zeballos 6-2 6-1

            Commenta


            • 17 locali, quindi per noi molto dopo.

              Commenta


              • Dovrebbero essere le 23 italiane

                Commenta


                • Si sta facendo le ossa nell'inferno del tennis

                  Commenta


                  • Si sta facendo le ossa, come avevo purtroppo previsto nelle pagine precedenti di questo topic, in questi tornei sudamericani sulla terra da pedalatore argentino.
                    Mi ero domandato, con curiosità, cosa avrebbero fatto questi argentini dopo gli US Open, se lo avrebbero portato in questi tornei, ecco fatto.
                    Tutto previsto.

                    Per carità, vediamo, tutto bene.
                    Vediamo se questi argentini ce la fanno a trasformarlo in un terraiolo sudamericano.
                    Vediamo.

                    Chissà perché ho sempre torto, ma poi ho sempre ragione.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Nikolik Visualizza il messaggio
                      Si sta facendo le ossa, come avevo purtroppo previsto nelle pagine precedenti di questo topic, in questi tornei sudamericani sulla terra da pedalatore argentino.
                      Mi ero domandato, con curiosità, cosa avrebbero fatto questi argentini dopo gli US Open, se lo avrebbero portato in questi tornei, ecco fatto.
                      Tutto previsto.

                      Per carità, vediamo, tutto bene.
                      Vediamo se questi argentini ce la fanno a trasformarlo in un terraiolo sudamericano.
                      Vediamo.

                      Chissà perché ho sempre torto, ma poi ho sempre ragione.
                      temo anch'io che diventerà un terraiolo che gioca due metri fuori dal campo....perchè nn gli fanno giocare i futures sul cemento? perchè? uff!

                      Commenta


                      • Beh ha anche giocato sul cemento in messico dove ha fatto una semifinale giocandosela alla pari, eh.


                        Ora lavorano più sulla parte "agonistica" del tennis, in tornei dove devi proprio sudartele tutte le vittorie, dove magari non ti basta avere ottimi fondamentali ma avere anche un'ottima tenuta mentale e solidità alla distanza.

                        A me sinceramente non dispiace come programma, dato che sul cemento è ormai competitivo

                        Commenta


                        • Si vabbé un terraiolo che gioca DUE METRI DIETRO.. Ci vorrebbe un facepalm.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Bertola Visualizza il messaggio
                            Si vabbé un terraiolo che gioca DUE METRI DIETRO.. Ci vorrebbe un facepalm.
                            credo che ne abbiamo viste tante per esprimere questi giudizi....spero di sbagliarmi, non immagini quanto...siamo stufi di gente poco ambiziosa ( magari non è il caso di Quinzi) che gioca sempre su qst terra....

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Bertola Visualizza il messaggio
                              Si vabbé un terraiolo che gioca DUE METRI DIETRO.. Ci vorrebbe un facepalm.
                              Ma se lui tiene sempre i piedi sulla linea, per DNA, grazie al cielo.

                              E' impossibile trasformare Quinzi in un terraiolo. Qua sembra che lo stiano facendo giocare come Arrese.

                              Ma lo avete visto o no, da dove colpisce la palla?

                              Con lui c'è il problema semmai opposto: un gioco di pressione troppo monocorde (specie dalla parte del rovescio, dove tira sempre piatto) che va completato con i cambi di ritmo, altezza e rotazione, nonché con le verticalizzazioni e le chiusure a rete, che impari meglio sulla terra, dove hai più tempo per seguire a rete.

                              Per questo quest'anno ha giocato molto sulla terra.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da roberto Visualizza il messaggio
                                Ma se lui tiene sempre i piedi sulla linea, per DNA, grazie al cielo.

                                E' impossibile trasformare Quinzi in un terraiolo. Qua sembra che lo stiano facendo giocare come Arrese.

                                Ma lo avete visto o no, da dove colpisce la palla?

                                Con lui c'è il problema semmai opposto: un gioco di pressione troppo monocorde (specie dalla parte del rovescio, dove tira sempre piatto) che va completato con i cambi di ritmo, altezza e rotazione, nonché con le verticalizzazioni e le chiusure a rete, che impari meglio sulla terra, dove hai più tempo per seguire a rete.

                                Per questo quest'anno ha giocato molto sulla terra.
                                roberto tutto quello che dici è giusto, giustissimo...il timore credo sia condivisibile visti gli ultimi 30 anni del tennis italiano...

                                Commenta


                                • Poi penso che l'anno prossimo comincerà la stagione sul cemento, visto che disputerà gli Australian Open Jr...

                                  Commenta


                                  • Il problema è che non siamo sempre esagerati.

                                    La terra è il male di molti tennisti italiani ma non è un male assoluto..

                                    E' la seconda superficie al mondo, è importante giocarci bene ed è per certi versi la superficie dove devi essere più completo, non basta solo un servizio e dritto.

                                    La terra è il male se pensi che esista solo lei ma non se la usi per migliorarti, non scherziamo dai..
                                    Giusto criticare ma io parto dal presupposto che chi lavoro con Quinzi sa fare meglio di me il suo mestiere quindi avrà le sue buone ragioni..Anche Del Potro lo facevano giocare quasi sempre su terra ( più di 40 tornei giocati su terra sui primi 50 giocati tra i Pro) ma è mica diventato un terraiolo, perchè ha determinate caratteristiche.
                                    Ultima modifica di Bertola; 10-10-2012, 10:50:12.

                                    Commenta


                                    • Va beh, visto che hanno deciso di farlo giocare in questi tornei, speriamo vinca, almeno.

                                      Commenta


                                      • Originariamente inviato da Capomiseno Visualizza il messaggio
                                        roberto tutto quello che dici è giusto, giustissimo...il timore credo sia condivisibile visti gli ultimi 30 anni del tennis italiano...
                                        Si Capomiseno, senza dubbio, e sai quanto condivido, in generale, i tuoi timori.

                                        Però lui per fortuna ha una storia individuale e familiare molto diversa, e caratteristiche peculiari che ne fanno un "unicum".

                                        Infine, anche se non so nulla di preciso io non sono esattamente convinto che lui andrà fino in Australia solo per giocare lo US Open junior. Ha già giocato nel tabellone principale 5 tornei dello Slam, non è che gli manchi l'esperienza di queste manifestazioni.

                                        Forse sarebbe più utile per lui allungare un pò la preparazione invernale (visto che quest'anno finirà la stgione piuttosto tardi) e poi partire direttamente con i tornei pro, per disputare da junior solo gli altri 3 Slam, puntando a vincerli.

                                        Commenta


                                        • Originariamente inviato da roberto Visualizza il messaggio
                                          Si Capomiseno, senza dubbio, e sai quanto condivido, in generale, i tuoi timori.

                                          Però lui per fortuna ha una storia individuale e familiare molto diversa, e caratteristiche peculiari che ne fanno un "unicum".

                                          Infine, anche se non so nulla di preciso io non sono esattamente convinto che lui andrà fino in Australia solo per giocare lo US Open junior. Ha già giocato nel tabellone principale 5 tornei dello Slam, non è che gli manchi l'esperienza di queste manifestazioni.

                                          Forse sarebbe più utile per lui allungare un pò la preparazione invernale (visto che quest'anno finirà la stgione piuttosto tardi) e poi partire direttamente con i tornei pro, per disputare da junior solo gli altri 3 Slam, puntando a vincerli.
                                          Ah, ho capito.
                                          Allora, tradotto, vuol dire di nuovo tornei sulla terra sudamericana anche nei primi mesi dell'anno, come quest'anno, poi tornei sulla terra Europea e poi si vedrà.
                                          Oh no?

                                          Commenta


                                          • Originariamente inviato da Nikolik Visualizza il messaggio
                                            Ah, ho capito.
                                            Allora, tradotto, vuol dire di nuovo tornei sulla terra sudamericana anche nei primi mesi dell'anno, come quest'anno, poi tornei sulla terra Europea e poi si vedrà.
                                            Oh no?
                                            credo proprio di si.
                                            Un po' come fece Del Potro.
                                            Se fai la preparazione in Sud America, non ha senso interromperla per andare a fare uno Slam junior.
                                            Meglio subito cercare di scalare la classifica con i futures sudamericani, poi salire di livello con quelli europei.
                                            Poi dopo spero che giochi Wimbledon e poi che parta quasi subito per l'America.
                                            Ultima modifica di Bertola; 10-10-2012, 10:52:50.

                                            Commenta


                                            • Quindi, se ho capito bene.
                                              Ora tornei da terraiolo sudamericano.
                                              Poi tornei americani juniores che purtroppo sono diventati su terra anche questi, se non sbaglio.
                                              Poi niente Australia e niente cemento, preparazione fisica sudamericana sulla terra.
                                              Poi tornei sudamericani sulla terra, juniores o meno, non importa.
                                              Poi c'è la stagione europea primaverile sulla terra, juniores o meno.
                                              Mi sbaglio?

                                              Commenta


                                              • Vedete che Quinzi a giocare sul veloce ha veramente zero problemi, lui su quei campi ci è nato. E a NY poteva almeno arrivare in finale se non ci fosse stata quella assurda programmazione...

                                                Lo dimostra Wimbledon, mai visto un campo d'erba in vita sua e ha fatto semifinale. Infatti dei tre Slam che ha giocato quello in cui è andato peggio è stato il Roland Garros...
                                                Ultima modifica di tennisfan; 10-10-2012, 10:57:47.

                                                Commenta


                                                • Originariamente inviato da Bertola Visualizza il messaggio
                                                  credo proprio di si.
                                                  Un po' come fece Del Potro.
                                                  Se fai la preparazione in Sud America, non ha senso interromperla per andare a fare uno Slam junior.
                                                  Meglio subito cercare di scalare la classifica con i futures sudamericani, poi salire di livello con quelli europei.
                                                  Poi dopo spero che giochi Wimbledon e poi che parta quasi subito per l'America.
                                                  Quindi sette mesi di terra battuta, perché Wimbledon si gioca in luglio, più questi ultimi tre, fanno dieci mesi di terra battuta continuativa.

                                                  Commenta


                                                  • Originariamente inviato da Nikolik Visualizza il messaggio
                                                    Quindi, se ho capito bene.
                                                    Ora tornei da terraiolo sudamericano.
                                                    Poi tornei americani juniores che purtroppo sono diventati su terra anche questi, se non sbaglio.
                                                    Poi niente Australia e niente cemento, preparazione fisica sudamericana sulla terra.
                                                    Poi tornei sudamericani sulla terra, juniores o meno, non importa.
                                                    Poi c'è la stagione europea primaverile sulla terra, juniores o meno.
                                                    Mi sbaglio?
                                                    Non ti sbagli ma ti ripeto.: pensare che giocare su terra vuol dire diventare un terraiolo non ha senso ed è molto semplicistico.
                                                    Sei terraiolo se come Filo non sai giocare sul veloce o se come Poto non vuoi giocare sul veloce non se in una fase della carriera scegli quella superficie per migliorarti.

                                                    Del Potro ha più di 40 tornei su 50 giocati su terra ad inizio carriera, è poi diventato un terraiolo?

                                                    Vedrai che anche Quinzi quando sarà il tempo giocherà e tanto sul cemento..


                                                    Nikolik ti preparo, i primi tornei 250, se mai li giocherà, saranno quelli della trasferta sudamericana, su questo ho pochi dubbi
                                                    Ultima modifica di Bertola; 10-10-2012, 10:58:32.

                                                    Commenta

                                                    Sto operando...
                                                    X